4 assi per piegare in modo economico ed efficiente

Grazie a un recente accordo di collaborazione, la F.lli Gaiani aumenta la propria offerta di prodotto e la propria competitività sul mercato rendendo disponibile una nuova gamma di macchine, tra cui anche una nuova pressa piegatrice da 120 tonnellate disponibile in pronta consegna.

Con sede a Desio, in provincia di Monza e Brianza, F.lli Gaiani si propone quale affidabile partner nella selezione e nella fornitura di una variegata gamma di macchine utensili in grado di soddisfare le più diverse esigenze di mercato. Un’attività svolta, da oltre 45 anni, attraverso due divisioni operative, ovvero quella dedicata a macchine per asportazione di truciolo (alesastrici, centri di lavoro, torni, elettroerosioni, fresalesatrici, fresatrici, rettificatrici, segatrici a nastro ecc.) e una divisione dedicata alle operazioni tipiche del processo di deformazione della lamiera (cesoie, presse, punzonatrici, smussatrici, taglio al plasma e laser ecc.). Soluzioni nelle quali convergono primarie marche nazionali ed estere, sia di macchinari nuovi, sia usati ricondizionati e garantiti; ciò per offrire un servizio di assistenza completo, efficiente, e in grado di soddisfare le più diverse e specifiche richieste. Si inserisce in questo questo approccio di crescita tecnico-commerciale anche la recente collaborazione che l’azienda ha siglato con Baykal, importante costruttore di macchine dedicate al taglio e alla deformazione della lamiera con sede a Bursa in Turchia. Accordo che si è concretizzato nella disponibilità di una nuova gamma di prodotto che va dalla piegatrice semplice a 2 assi fino alle macchine a taglio laser a fibra, passando da presse piegatrici di nuova generazione e multi assi, cesoie angolo fisso o variabile, macchine per taglio al plasma e punzonatrici. Tra queste figura anche la pressa piegatrice Cnc modello APHS 31120, macchina da 120 tonnellate su una lunghezza utile di piega di 3.100 mm, con distanza tra i montati pari a 2.550 mm, di seguito brevemente presentata.

Potenza e velocità in sinergia

Con incavo da 410 mm, apertura massima di 530 mm, corsa regolabile sino a 260 mm e larghezza tavola di 60 mm, la macchina è in grado di assicurare una velocità di avvicinamento di lavoro di 160 mm/se in ritorno di 130 mm/s, con una potenza motore di 11 kW. Ma vediamo più nel dettaglio in cosa consiste il principale equipaggiamento standard. Esso consta, oltre al controllo Cybelec ModEva 12S Windows e del relativo software di programmazione, anche di motori brushless c.a. per registro posteriore (per garantirne la massima precisione e velocità di posizionamento) con viti a ricircolo di sfere, di valvole proporzionali idrauliche (di fabbricazione tedesca) e di sistema di misurazione di precisione a righe ottiche (Heidenhein o Givi Misure). Con corsa assi Y1-Y2 controllata da Cnc, queste presse si caratterizzano anche per la struttura realizzata in acciaio di qualità tipo St 44-2 senza cavità interne per minimizzare la torsione sotto carico e i cilindri realizzati in acciaio forgiato e rettificato di precisione. I pistoni (temprati, rettificati poi cromati e ripassati alla pulitrice), le doppie guide di scorrimento (nella parte frontale e posteriore della struttura atte a sostenere completamente la corsa del ram con un bassissimo livello di attrito), la tavola di compensazione controllata Wila e la protezione a laser per area di lavoro, (sistema Fiessler Akas) completano la dotazione di base.

Grafica 3D e simulazione multipla

Per ciò che concerne l’unità di controllo, come già anticipato la dotazione standard prevede un controllo Cybelec ModEva 12S con display grafico in 3D e possibilità di simulazione multipla. Al fine di ottimizzare il processo, in essa vengono indicate le sequenze di piegatura ottimali, gli utensili e la posizione della lamiera tra gli utensili, così come anche la possibilità di collisione in base ai criteri definiti dall’operatore. Ciò significa massima precisione tra due superfici definite, minimizzazione delle possibilità di manomissione da parte dell’operatore. Qualora l’utente decidesse una diversa dotazione, la stessa potrebbe ricadere su un controllo Delem DA-52 oppure DA-66T. Nel prima caso si avrebbe a che fare con un’unità a colori a 4 assi con programmazione rapida a pagina singola su schermo da 6,4» Vga Lcd (Tft), con controllo di compensazione, libreria utensili, materiali e prodotti finiti. Nel caso si opti per il controllo di tipo Delem DA-66T, lo stesso si caratterizzerebbe per la grafica 3D e per il sistema operativo Windows con schermo a colori; la programmazione si farebbe in questo caso su un display a colori più ampio (17» Tft), con interfaccia sensori di curvature e correzione e applicazioni utente specifiche di supporto all’interno dell’ambiente multifuzione del controllo.

Sostegni frontali e righe ottiche

Particolare menzione meritano infine i sostegni frontali per la lamiera di cui la pressa Baykal è dotata. Si tratta di sostegni il cui movimento è affidato a precise guide lineari di scorrimento da destra a sinistra, con regolazione manuale dell’altezza tramite volantino. Nel caso del modello presentato in queste pagine, ovvero il modello APHS 31120, sono previsti due sostegni frontali (come per tutte le macchine della gamma, con lunghezza di lavoro fino a 4.100 mm. Diversamente, dunque per i modelli maggiori (lunghezza di lavoro fino a un massimo di 8.100 mm, la casa madre prevede invece 4 sostegni, sempre con distanza dal centro della cava a V 1.000 mm e distanza minima dalla matrice pari a 50 mm. Infine, per ciò che riguarda le righe ottiche (Heidenhein o Givi Misure), queste risultano non collegate (quindi separate) dalla parte superiore della macchina in modo tale da evitare ogni possibile effetto di deformazione sotto carico, e sono posizionate lateralmente rispetto alla struttura principale.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here