Andiamo avanti così o cambiamo?

Mercati sempre più turbolenti e imprevedibili impongono l’adozione di strategie aziendali più dinamiche, aggiornate con verifiche periodiche per valutazioni di efficacia. Se negli ultimi tempi si sono evidenziati punti di debolezza in attività specifiche, marketing, commerciale, amministrazione, produzione, si può intervenire miratamente su di essa. Se però si manifesta qualche duratura sofferenza nel proprio giro d’affari, allora forse è giunto il momento di ripensare il proprio modello e la propria struttura di business.Anzitutto gli scenari: la crescita della popolazione mondiale, i cambiamenti climatici, la sostenibilità, la globalizzazione, possono essere buoni punti di riflessione. La globalizzazione, più specificatamente, impone un’analisi del proprio segmento di business in relazione allo sviluppo delle Nazioni di più recente industrializzazione o emergenti. Quale spazio possiamo avere, in che modo, con quali strategie, con quali impegni finanziari, in sostanza con quali sforzi? Riusciamo a individuare un posizionamento strategico presidiabile e difendibile per qualche tempo? Siamo in grado di gestire sforzi di internazionalizzazione? A queste analisi è possibile trovare risposte in alcuni dei nuovi modelli di business. L’aggregazione, la partnership, con attori complementari, concorrenti, clienti, per attività di ricerca, di progettazione, di produzione, di prodotto, di servizio, in un ottica di condivisione delle conoscenze e delle relazioni; le reti di imprese. Un modello di business particolarmente interessante è quello della co-creazione del “valore”, concetto che coinvolge fornitore e cliente in un nuovo percorso mirato di innovazione. Che dire poi di una nuova modalità per la disponibilità dei macchinari: il noleggio?  Certo, il management di impresa in tempi di veloci dinamiche impone una specifica professionalità, la capacità cioè di gestire attività in tempi di incertezze. Se non ci sentiamo troppo preparati in questa disciplina, non disdegniamo di affacciarci al mondo della formazione, per noi e per i nostri dipendenti. Potremo disporre di strumenti indispensabili per affrontare i nuovi modelli di business.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here