Assegnato a Belaz lo Swedish Steel Prize 2014

Belaz-1Giovedì 20 novembre lo Swedish Steel Prize è stato assegnato per la sedicesima volta. Ad aggiudicarsi il meritato premio è stato Belaz, produttore di mezzi d’opera per miniere che ha creato il più grande mezzo d’opera al mondo, con una capacità di carico utile di 450 tonnellate. superiore del 20% rispetto ai camion convenzionali, minimizzando al tempo stesso il consumo di carburante e ottenendo un costo minore per carico. La premiazione, come sempre, è avvenuta a Stoccolma, in Svezia, in concomitanza con un evento di tre giorni dove 800 partecipanti provenienti da tutto il mondo si sono riuniti per condividere lo stato dell’arte all’acciaio altoresistenziale. “Belaz ha allargato coraggiosamente i confini di quello che precedentemente veniva considerato possibile grazie alla tecnica disponibile”, dice Gregoire Parenty, Presidente della giuria e Vicepresidente Esecutivo nonché capo del Dipartimento Sviluppo del mercato della SSAB.  “La nuova concezione della sospensione degli assali e dei cuscinetti rotanti di Belaz dimostra come uno sviluppo basato sull’innovazione e le competenze può aiutarci a sfruttare l’acciaio altoresistenziale per costruire prodotti più resistenti, leggeri e sostenibili”, spiega Parenty.  Tra i candidati c’erano Santander Equipos dal Cile, Timo Penttimies dalla Finlandia e Vale dal Brasile. Lo Swedish Steel Prize è stato istituito da SSAB nel 1999 allo scopo di dare ispirazione e diffondere la conoscenza degli acciai altoresistenziali e delle relative possibilità di sviluppo di prodotti più leggeri, più resistenti e più sostenibili. Guarda il video: http://www.steelprize.com/

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here