Australia,un’opportunità per tutta l’industria meccanica

In occasione dell’Assemblea ANIMA, l’evento dedicato al paese Australia ha visto la presenza del Consolato Australiano e la presentazione della missione e dei servizi ANIMA a supporto delle aziende che intendono fare business in questo crescente mercato. Il Ministro del Tesoro dello Stato del Western Australia, Troy Buswell, pochi mesi fa ha presentato la manovra di bilancio per l’anno finanziario 2013-14 per il quale la crescita è stimata al +3,25%.

ANIMA sta avviando un nuovo progetto che, a partire dall’interesse manifestato in particolare da alcune associazioni collegate all’oil&gas, prevede lo sviluppo di iniziative incentrate su questo comparto, ovviamente estese ad altri settori/aziende coinvolti nella realizzazione di infrastrutture principalmente civili, che condividano l’interesse nei confronti di questo mercato.

Il primo appuntamento a cui parteciperà ANIMA sarà la fiera dell’oil&gas AOG (AOG – Australasian Oil & Gas Exhibition & Conference) dal 20 al 22 febbraio 2014.

Turbine a gas, sistemi di ventilazione industriale, valvolame industriale, macchinari per il sondaggio e la perforazione, pompe macchinari per il sollevamento e carrelli e grandi serbatoi a pressione sono le tecnologie italiane dedicate all’industria più richieste. Sul fronte commerciale e professionale vi è una buona richiesta di macchine da caffè professionali e attrezzature frigorifere mentre su quello consumer esportiamo principalmente rubinetteria sanitaria, serrature e maniglie. L’export totale della meccanica rappresentata da ANIMA nel primo semestre 2013 è già pari a più di 400 milioni di euro di fatturato ed è prevedibile che nel corso dell’intero anno si potrà arrivare al miliardo di euro complessivo.

Nel biennio precedente la crescita australiana era stata rispettivamente del +6,7% e del +5,75%. Il rallentamento è dovuto all’annunciato rinvio di alcuni progetti di sviluppo nel comparto energetico e minerario. Bruswell ha adottato un Piano di consolidamento fiscale ritenuto necessario a garantire il mantenimento del rating AAA del Governo federale mentre lo Stato del Western Australia presenta un rating del valore AA+. Sul fronte della spesa, si segnalano soprattutto investimenti per 5,7 miliardi di AUD in infrastrutture fisiche. I lavori approvati raggiungono un valore di AU$268bn, i lavori in fase di approvazione AU$232bn mentre i lavori annunciati pubblicamente AU$121/171bn. Solo di infrastruttura correlata all’oil&gas e mining: AU$51.16bn nel 2012.

I principali progetti infrastrutturali finanziati sono il collegamento ferroviario fra il quartiere degli Affari (CDB) e l’aeroporto di Perth. L’inizio della maggior parte dei lavori è previsto nel 2016: l’estensione della rete di ferrovia leggera dal centro di Perth verso i quartieri a nord della città; l’avvio della Fase 1 dell’autostrada Perth-Darwin.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here