Catene portacavi per migliorare l’intralogistica

FIG.IGUSLa nuova tri-spool mostra la flessibilità dei sistemi per catene portacavi igus nell’ambito dell’intralogistica. La varietà di soluzioni proposte per la fornitura di energia mette igus al centro dell’ambito dell’intralogistica. tri-spool, che permette di muovere energia, dati e fluidi in tre direzioni, è una delle ultime novità dell’azienda tedesca. Le sfide che l’automazione lancia nei campi del material handling, dello stoccaggio e delle tecnologie di imballaggio aumentano ogni volta che cresce la complessità e il collegamento tra i vari passaggi della sequenza produttiva. Anche in questi casi energia, dati e fluidi devono essere guidati in modo affidabile, e igus vuole permettere ai suoi clienti di farlo creando sistemi che siano in grado di assicurare massima libertà, per spostamenti sui 3 assi.   Un esempio dell’ampia gamma di applicazioni possibili dei prodotti igus nel campo dello stoccaggio è dato dal vincitore dell’ultimo vector award, con cui ogni due anni l’azienda tedesca premia gli usi più innovativi delle sue catene portacavi. Il rope robot progettato all’Università di Duisburg-Essen è utilizzato in magazzini ad alta automatizzazione, e per la sua realizzazione è stato impiegato tri-spool, che permette movimenti in tre direzioni. Cime parallele pretensionate permettono il posizionamento orizzontale, verticale e diagonale della piattaforma di trasporto. Questo permette di ottenere un grande incremento nelle velocità e accelerazioni permesse al sistema, con un con una contemporanea diminuzione nei pesi e negli spazi di installazione richiesti. Il rope robot diventa così un sistema intelligente per l’intralogistica che permette di ridurre i costi di stoccaggio. igus fornisce inoltre un’ampia serie di soluzioni per la movimentazione dei colli in magazzino.  Per esempio la catena portacavi con ruote P4 supporta il movimento silenzioso, rapido e a bassa usura di energia e fluidi, con velocità fino a 10m/s consentendo una riduzione del consumo energetico fino ad un 57% rispetto ai sistemi tradizionali.  Il sistema autoglide oggi disponibile in quattro versioni, invece, elimina la necessità dei canali di guida normalmente utilizzati in combinazione con le catene portacavi. I movimenti laterali sono evitati grazie ai traversini con guide incorportate: la catena portacavi può così essere usata per scorrimenti anche senza canali di guida in corse lunghe, diminuendo i tempi di assemblaggio fino al 90 per cento e lo spazio necessario al suo utilizzo. Anche i nuovi guidelok slimline F ed e-spool sono pensati per guidare i condotti in modo semplice ed affidabile. Il sistema di guida guidelok previene le oscillazioni laterali della catena portacavi causati dall’inerzia o da accelerazioni trasversali, permettendo alte velocità ed accelerazioni nello stoccaggio.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here