Dalla laminazione al taglio, tutto internamente

Poter gestire autonomamente la lavorazione di rame e alluminio consente a un’azienda varesina di proporsi al mercato con estrema flessibilità. Un valore aggiunto in cui le linee di taglio possono elevare ancor di più la competitività, sia in termini produttivi, sia di qualità del prodotto finito.

Vista della nuova linea di taglio Euroslitter installata presso lo stabilimento di Framiva Metalli a Beura Cardezza (VB); abbinata a un nuovo laminatoio da 1.600 mm, consente di lavorare materiali con spessori da 100 micron a 4 mm.

Specializzata nella produzione di metalli non ferrosi, Framiva Metalli inizia la propria storia nel 1975, operando dapprima come azienda di consulenza commerciale. Una volta registrati i primi positivi riscontri, si espande progressivamente fino al 1983, anno in cui diviene pienamente operativa nel commercio dei metalli all’ingrosso. Guidata da Giovanni Fraschina, fon­datore dell’azienda, e dal figlio Pie­tro si pone punto di riferimento nazionale e internazionale nella produzione di laminati in alluminio, rame, ottone e bronzo. Attività svolta nelle sedi di Besnate (VA) e di Beura Cardezza (VB). Ed è proprio a Beura Cardezza che abbiamo incontrato Pietro Fraschina, per fare il punto della situazione sul presente e sul futuro di una realtà che oggi si avvale del prezioso contributo di una settantina di qualificati addetti, per un fatturato pari a circa 50milioni di euro. «Fatturato – precisa Fraschina – il cui 40% è destinato oltre confine, quota in costante crescita, con prevalenza in Europa, ma che vede un apprezzamento dei nostri prodotti anche in altri continenti. Oggi serviamo infatti paesi diversi tra loro: dalla Russia alla Turchia, dal Marocco agli Emirati Arabi, senza tralasciare i più “tradizionali” europei come Germania, Svizzera, Fran­cia e Spagna».

Qualità, produttività e flessibilità

Una produzione di qualità realizzata con impianti e macchinari performanti e sempre allo stato dell’arte, in cui spiccano soluzioni Euroslitter. L’azienda di Dolzago (LC), specializzata nello sviluppo di linee di taglio longitudinale, linee di imballaggio e legatura nastri tagliati, linee di taglio trasversale – cesoie rotative, ha infatti condiviso con Framiva i più significativi passi di crescita, con l’installazione di un importante parco macchine.

Dettaglio della nuova linea di taglio longitudinale con capacità di lavorazione di nastri fino a una larghezza di 1.600 mm.

«Un parco macchine – aggiunge Fraschina – che ci consente di aggredire i nostri mercati di riferimento con lavorazioni di qualità, senza tralasciare la rapidità produttiva e la massima flessibilità operativa». Automotive, illuminazione (tra cui spiccano plafoniere da esterno in alluminio), elettrodomestico (per esempio filtri anodizzati per cucine) e casalingo (per esempio realizzando dischi in alluminio che poi diventano padelle, quadrotti che divengono teglie ecc.) sono alcuni dei settori dove trovano larga applicazione i prodotti e i semilavorati realizzati, senza dimenticare i trasformatori elettrici, per i quali l’azienda realizza nastri in alluminio e rame, ambito che oggi rappresenta un valore pari a circa il 60-70% della produzione. «Il costante aggiornamento tecnologico – prosegue Fraschina – ci permette comunque di esplorare anche segmenti nuovi; non ultima la possibilità di poter lavorare rame anche in alti spessori. Tutto ciò grazie all’acquisizione di una nuova linea di taglio Euroslitter pianificata lo scorso anno e operativa ormai da qualche mese».

Bassi e alti spessori, senza compromessi

La dotazione di impianti Euroslitter presenta all’interno dello stabilimento di Framiva Metalli include anche una linea di taglio longitudinale da 750 mm per spessori lavorabili nel range 0,1 ÷ 3,0.

Più nel dettaglio sono ad oggi 7 le linee di taglio longitudinale Euroslitter acquisite da Framiva Metalli nel corso degli anni. Una dotazione che permette la lavorazione di materiale con larghezze da un minimo di 400 a un massimo di 1.600 mm, con spessori compresi tra 0,10 e 15 mm. «Fino allo scorso anno – racconta lo stesso Fraschina – la nostra capacità produttiva consentiva di lavorare larghezze massime di 1.250 mm, mentre con la nuova linea di taglio, operativa da qualche mese, possiamo spingerci fino a 1.600 mm. Ma ancora più importante è la possibilità di poter arrivare a tagliare spessori pari a 100 micron, in totale sicurezza e con una ineccepibile qualità di prodotto». La nuova linea di taglio longitudinale fornita da Euroslitter vanta un’interessante peculiarità tecnologica: l’intercambiabilità dei mandrini. Un’opportunità che rende ancora più elevata la flessibilità e la precisione. «Ma non è – continua Fraschina – l’unico plus tecnologico». La direzione e i progettisti Euroslitter hanno infatti accolto le precise specifiche che Framiva Metalli ha messo a punto, sulla base della profonda esperienza maturata e, soprattutto, in aderenza con le necessità di crescita nel mercato. «Ciò significa – aggiunge Fraschina – anche bordatura in linea, piuttosto che la possibilità di effettuare la sbavatura dei nastri sempre in linea, ad altissime velocità». Bassi e alti spessori, dunque, senza compromessi di qualità per il prodotto finito, tenuto conto che la capacità produttiva supe­ra il migliaio di tonnellate al mese a cui si deve giocoforza aggiungere un’elevata disponibilità di magazzino. Flessibile e performante, la nuova linea di taglio installata oltre a essere unica sul mercato (poiché progettata e sviluppata su precise specifiche del cliente) è abbinata a un nuovo laminatoio da 1.600 mm, in fase di ultimazione, e che dovrebbe essere operativo entro l’anno. Il nuovo laminatoio si affianca ai 3 già presenti (da 400, 600 e 1.300 mm), abbinati ad altrettante linee di taglio. Una dotazione che comprende anche 2 linee di spianatura (una da 1.250 x 2 e una da 1.500 x 3 in costruzione) un Tension Leveller anch’essa in costruzione con consegna 2014 (Euroslitter), oltre a presse per dischi, taglio bordatura piatti, forni ricottura nastri e forni ricottura coil.

Obiettivo crescita, in completa autonomia

(da sinistra) Pietro Fraschina, titolare di Framiva Metalli di Beura Cardezza (VB) e Ezio Rinaldo Ribolzi, titolare Euroslitter di Dolzago (LC).

«L’obiettivo è quello di collocarci in Europa – aggiunge lo Fraschina – come punto di riferimento per la lavorazione di qualità di materiali non ferrosi, dove specializzazione, flessibilità e rapidità di consegna avranno certamente il sopravvento, escludendo la guerra puramente economica che non rientra nelle nostre strategie di crescita». Un livello di specializzazione in generale in costante aumento e che negli ultimi anni ha agito come principale e naturale deterrente per com­petitor, sia italiani che internazionali. E se il mercato in generale mostra ancora segni di sofferenza, le scelte strategiche di rinnovamento e costante ampliamento tecnologico hanno visto particolarmente impegnati i vertici della società di Beura Cardezza. «Il nostro obiettivo è da sempre – sottolinea Fraschina – investire in qualità e tecnologia. Solo in questo modo possiamo consolidare la nostra posizione sul mercato, in uno scenario che, nonostante il difficile momento congiunturale, ha paradossalmente avuto un effetto positivo sulle nostre dinamiche interne». Dalla laminazione ai trattamenti, a taglio, Framiva Metalli è in grado di gestire in completa autonomia tutto il processo produttivo, senza dover dipendere da fornitori esterni. E, aspetto fondamentale, tutto ciò per due materiali diversi quali sono il rame e l’alluminio. Un valore aggiunto che vede l’azienda seguire una strategia che, in sintesi, potrebbe essere riassunta come segue: “pensare da produttore, agendo da centro servizi”. «Anche l’ottone – conclude Fraschina – rappresenta per noi un’interessante opportunità che ci vede impegnati nella produzione di soluzioni dedicate all’accessoristica da bagno. In ogni caso, indipendentemente da rame, alluminio, ottone o bronzo, il nostro obiettivo è scegliere delle nicchie di mercato che se da una parte ci permettono di diversificare, dall’altra mostrano spunti interessanti per acquisire un panel di clienti sempre più ampio. Ciò significa poter guardare al futuro con maggiore tranquillità, potendo pianificare nuovi investimenti in tecnologia e nuove assunzioni».

Ampio ventaglio di materiali, spessori e larghezze

Framiva Metalli è oggi specializzata nella lavorazione di nastri, dischi e lamiere e nella commercializzazione di estrusi e trafilati in alluminio, ottone, rame e bronzo. Attività che, grazie a un parco macchine evoluto e performante, si concretizza nella possibilità operativa di poter lavorare i materiali nelle specifiche riportate nella  tabella.

Materiale Spessori Larghezze
Min Max Min Max
Alluminio 100 micron 15 mm 10 mm 1.600 mm
Rame 100 micron 10 mm 10 mm 1.250 mm
Ottone 200 micron 5 mm 10 mm 1.000 mm
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here