Efficienza e produttività ottenute con semplicità

SPNLa ricerca del massimo valore aggiunto è ormai diventata un’ossessione oggettiva delle moderne economie che devono competere con una globalizzazione che mette a dura prova la scelta e le modalità di produzione di qualsiasi bene industriale. La spinta ambientalista e i contenimenti energetici spingono le imprese alla ricerca di soluzioni di alleggerimento mentre, d’altro canto, si ricercano vie progettuali e produttive per accorciare i tempi e i processi di lavorazione. Nel campo delle lamiere, le scelte sono molto ampie: lamiere ad alta resistenza, laminate a freddo e a caldo, preverniciate, inox, zincate. Precisione e produttività spingono alla ricerca di linee di spianatura in grado di processare con grande accuratezza e tempi contenuti grandi volumi di coils, sovente diversificati. La linea di spianatura a elevata precisione destinata alla lavorazione di spessori di lamiera da 0,5 a 3 mm, realizzata dalla CAMU di Bressanvido(VI) per un importante Centro Servizi, per le sue caratteristiche prestazionali rappresenta oggi lo stato dell’arte tecnologico nel settore. Essa è composta da aspo svolgitore, tavola di introduzione, spianatrice, cesoia volante, impilatore trasportatore per lo scarico degli sfridi, impilatore per lo stoccaggio di materiali “delicati”, sistema di pesatura. Le specifiche erano chiare. I lotti previsti, tipici di un Centro Servizi, sono piccoli e diversificati ed è quindi importante potere passare rapidamente da un lotto all’altro, nel tempo più rapido. La linea doveva quindi possedere anzitutto caratteristiche di elevata flessibilità e versatilità di utilizzo.

Spianatrice: la regina dei coils
È noto agli esperti che su lamiere che superano i 2 mm di spessore è necessario effettuare un presnervamento prima di introdurre il nastro nella spianatrice. La tavola di introduzione è dotata di due rulli gommati per l’introduzione e il traino e di tre rulli per l’effettuazione dello snervamento. CAMU ha curato particolarmente le lavorazioni meccaniche su tutti i componenti della linea ma la spianatrice è l’elemento veramente critico della linea perché a essa sono fondamentalmente legate le caratteristiche di planarità e quindi di qualità della lamiera. CAMU, spiega Fabio Basso, proprietario insieme al fratello Loris, concentra da anni la propria attenzione sullo sviluppo tecnologico e qualitativo di questa macchina e oggi l’azienda vanta risultati che assicurano alle linee di spianatura automatiche il massimo livello qualitativo reperibile sul mercato. Le caratteristiche principali sono: 19 rulli (9 superiori e 10 inferiori) e contro rullata in 7 punti (6° per evitare di rovinare il materiale). I 7 contro rulli inferiori sono indipendenti, mobili su cunei. I 9 rulli superiori sono uguali (6°) e i 7 controrulli sono registrabili manualmente e non in maniera motorizzata come i rulli inferiori, per la registrazione annuale. La soluzione da noi adottata, assicura Fabio Basso, consente uno scarico molto più uniforme ed evita la flessione della fila di controrulli. Altrettanto importante l’indipendenza dei movimenti di bascula su mezzaluna con camma, grazie ai singoli motori elettrici programmati e visualizzati sul pulpito. Lo spostamento verticale della bancata superiore è movimentato da 4 vitoni, 2 a destra e 2 a sinistra, motorizzati indipendentemente per potere meglio regolare l’inclinazione sul lato operatore o opposto. La rigidità doveva essere particolarmente elevata, per la lavorazione di acciai alto resistenziali, mentre tipico delle spianatrici è il loro allungamento durante funzionamento. Come è consuetudine, l’azienda vicentina ha coniugato il proprio know-how con le specifiche dei materiali e pur partendo dalle ultime soluzioni standard consolidate, ha praticamente riprogettato la macchina per adeguarla allo specifico utilizzo. Grazie ai più moderni sistemi informatici di analisi strutturale, le colonne sono state irrobustite e la rigidità massimizzata sul banco inferiore e sul ponte superiore. «Voglio qui sottolineare che effettivamente ogni linea e soprattutto ogni macchina importante viene di volta in volta riprogettata per adeguarla come una specie di «pelle» agli utilizzi del cliente. Questo naturalmente comporta sempre una attività di re-design e quindi anche un impegno da parte del nostro staff di tecnici progettisti, ma ci consente di personalizzare tutte le nostre applicazioni, ovviamente partendo da soluzioni fondamentalmente standardizzate e quindi testate e concorrenziali. La nostra spianatrice è una macchina particolarmente adatta per lavorare materiali con caratteristiche non costanti e quindi è molto apprezzata non soltanto dai Paesi di maggiore industrializzazione, ma anche dai Paesi in via di evoluzione. Sottolineo infine che ai fini qualitativi, la pulizia dei rulli è eseguita in automatico tramite un feltro pinzato movimentato alternativamente destra-sinistra e che può essere imbevuto con detergente specifico. La nostra cura anche del dettaglio è decisamente molto elevata».

Lo studio dell’impilatura
Il taglio del nastro con cesoia volante è un altro punto fondamentale delle linea. La cesoia CAMU è frutto di un know how consolidato e riconosciuto dal mercato. Grazie a questa cesoia molto veloce e che si muove su guide a ricircolo di sfere con cremagliere rettificate e quindi molto precise, la qualità del taglio è molto elevata e le bave sono molto ridotte. Dopo lo scarico dei fogli e degli sfridi, il materiale scorre su due trasportatori dotati di velocità differenziate poiché il secondo trasportatore, più veloce del primo, ha anche il compito di allontanare il pezzo e di permettere una maggiore efficienza di impilatura. Trattasi di una soluzione particolarmente studiata per pezzi corti. Anche l’impilatore a bracci rotanti con movimentazione pneumatica è stato concepito per trattare materiali delicati. Per la produttività dell’operazione, gli accostamenti per adattarsi alle varie misure dei formati programmati sono ottenuti con motorizzazioni ed encoder. Da uno dei due pulpiti lungo linea l’operatore segue l’operazione in modo visualizzato e programmato. Abbiamo assistito alle movimentazioni e ci ha impressionato la loro fluidità e celerità. Grazie a una fotocellula, la piattaforma oleodinamica si abbassa all’aumentare del pacco di fogli impilati e si vede che il foglio non cade uno sopra l’altro, ma è sostenuto da alcuni rullini laterali realizzati in modo da potere sostenere anche fogli di ampia larghezza senza provocare “impanciamento”. Dal punto di vista costruttivo, la maggiore velocità nello scarico in modo da aumentare la velocità di movimento dell’impilatore è stata ottenuta con un sistema pneumatico con tubi rigidi e accumulatori. Uno speciale ammortizzatore posizionato al fermo di testa consente di non rovinare i fogli in battuta, soluzione fondamentale quando si tagliano materiali sottili e delicati. La zona di scarico è motorizzata tramite catene. Quando il pacco è pieno la piattaforma si abbassa al livello delle catene per lo scarico e quindi trasla. Pallettizzatori pneumatici si trovano sui lati dell’impilatore. La pesatura è visualizzata sul pulpito. Ci viene infine spiegato che tutto l’impianto è dotato di un sistema efficiente per una abbondante lubrificazione e quindi l’usura delle parti è estremamente limitata a tutto vantaggio dell’affidabilità e della continuità di funzionamento.

L’azienda in breve
CAMU di Bressanvido (Vi) da oltre 35 anni progetta e produce linee per la lavorazione di coils di lamiera: slitter per il taglio longitudinale e linee per il taglio trasversale, per piccoli e grandi spessori. Inoltre linee di alimentazione presse e macchine speciali. CAMU oggi vanta una presenza internazionale molto apprezzata, che si incrementa fondamentalmente grazie al passa parola e per soddisfare ancora maggiormente le crescenti richieste del mercato sta ampliando la propria area progettuale e produttiva. Uno staff di tecnici motivati dai successi delle soluzioni proposte è sempre disponibile per studiare e sviluppare nuove applicazioni automatizzate, semplici e di semplice conduzione, per fornire alla clientela linee pratiche, efficienti e di costo contenuto.

CONDIVIDI

1 commento

  1. vorrei avere qualche spiegazione in merito al funzionamento di spianatrice se il coil viene tagliato in un verso oppure in senso contrario cambia alcune volte lo snervamento della lamiera xchè,gradirei delle risposte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here