La rivoluzione del diodo diretto

A inizio dicembre Yamazaki Mazak Italia S.r.l. (Cerro Maggiore, MI) ha presentato al pubblico italiano il nuovo taglio laser OPTILEX DDL, macchina con sorgente a diodo diretto con potenza di 4 kW sviluppata dal colosso giapponese.

Il nuovo taglio laser Mazak Optilex DDL, macchina con sorgente a diodo diretto con potenza di 4 kW.
Il nuovo taglio laser Mazak Optilex DDL, macchina con sorgente a diodo diretto con potenza di 4 kW.

Si tratta di una novità assoluta che promette di rivoluzionare il mondo del laser. Innanzitutto, assicura consumi energetici ancora più bassi in quanto il “rapporto di conversione”, cioè il rapporto tra la potenza sviluppata e quella realmente impegnata nel taglio, è pari al 50%, contro il 30-40% del laser in fibra e il 10% del laser con sorgente a CO2.  E ancora: il diodo diretto, a parità di potenza, consente una capacità di taglio superiore a quella del CO2 e in linea rispetto a quella del fibra; in alcuni casi, per esempio su materiali riflettenti, addirittura superiore. Inoltre, assicura il miglioramento della finitura delle superfici tagliate, la cui qualità si avvicina a quella del CO2, specialmente sui medio-alti spessori. Il diodo diretto, infine, garantisce altissima velocità di taglio, con un incremento medio del 15% rispetto al laser in fibra sui bassi spessori.

OPTILEX DDL ha assi con dimensioni pari a 3.100 mm, 1.580 mm e 150 mm, e velocità di rapido pari a 120 m/min, 120 m/min e 60 m/min, rispettivamente. Monta la testa “Multi Control Torch”, con cambio ugello automatico a 8 posizioni e controllo del diametro del fascio, e il controllo numerico PreviewG, il quale garantisce un’accelerazione di 1,8 G.

Luca Facci,  Responsabile Applicazioni Laser  dell’impresa lombarda, ha spiegato: «OPTILEX DDL è la prima macchina di serie al mondo con sorgente a diodo diretto. Mazak è fiera di tale innovazione, e crediamo che il mercato del laser da oggi non sarà più lo stesso».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here