L’export traina la crescita dell’Industria

Nel corso dell’assemblea generale tenutasi a Smirne il 24 novembre 2012, il Comitato Economico CECIMO ha stimatoche la produzione di macchine utensili raggiungerà il valore di 22 miliardi di euro nel 2012, registrando un incremento del 6% rispetto all’anno precedente.La debolezza della domanda europea è compensata da una buona performance dell’export. La crescita futura dipenderà dagli ordini esteri, tuttavia, nell’ultimo trimestre, la raccolta ordini è risultata debole. La politica Industriale dell’UE identifica i sistemi di produzione a tecnologia avanzata come campo prioritario: ai progetti ambiziosi dovranno seguire azioni concrete.

La produzione di macchine utensili è cresciuta a 20.8 miliardi di euro, superiore di oltre un quarto rispetto al valore 2010. Durante il primo trimestre del 2012, il volume degli ordini di macchine utensili europee ha continuato a crescere. Malgrado la debolezza sia legata all’andamento nell’ultimo trimestre e sia determinata da un forte quantitativo di ordini inevasi, a chiusura d’anno (2012) la produzione registrerà una crescita di oltre il 6% rispetto all’anno precedente. Il basso consumo di macchine utensili riflette la cautela degli utilizzatori europei nonché la debole attività produttiva che caratterizza specialmente l’area meridionale dell’Europa. A causa dello scetticismo condiviso da molti manager di aziende manifatturiere si prevede che il consumo europeo di macchine utensili possa contrarsi di circa 77 milioni di euro nel 2012, rispetto allo scorso anno. Le esportazioni di CECIMO hanno raggiunto i 16.7 miliardi di euro nel 2011, dato vicino al record del 2008. Le previsioni di produzione stabile nel 2012 nascono dalla solida crescita delle esportazioni, inoltre l’ottima performance dell’export conferma la competitività della macchina utensile in Europa. In risposta a tale situazione sono necessarie politiche di governo proattive per stimolare la crescita industriale e la politica commerciale dell’UE dovrà ricoprire un ruolo cruciale. CECIMO incoraggia l’UE e i suoi Stati Membri ad attuare le misure richieste per implementare la nuova strategia industriale in modo coordinato. Tutti dovrebbero lavorare con spirito di solidarietà e in pieno partenariato con l’industria verso il raggiungimento degli obiettivi comuni di politica industriale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here