Machines Italia in Russia

Inaugurato mercoledì 19 marzo 2014, presso il Radisson Royal di Mosca, il progetto Machines Italia in Russia. Finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico che ne ha affidato l’organizzazione a Federmacchine, la  federazione dei costruttori italiani di beni strumentali, il progetto Machines Italia in Russia è un’iniziativa volta a promuovere l’eccellenza tecnologica italiana per supportare le imprese italiane della filiera della meccanica a meglio presidiare il mercato russo attraverso partnership tecnologiche e commerciali con le industrie locali, grazie al consolidamento di una rete di contatti istituzionali e aziendali. Il progetto prevede la realizzazione di azioni orizzontali congiunte tra tutte le federate aderenti (ACIMAC, ACIMALL, ACIMIT, AMAFOND, ASSOCOMAPLAST, ASSOMAC, UCIMA e UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE) e di azioni verticali a favore dei settori da queste rappresentati. La principale azione orizzontale si è celebrata mercoledì 19 marzo attraverso l’organizzazione – per la quale FEDERMACCHINE si è avvalsa della collaborazione dell’Agenzia ICE di Mosca – di un evento di presentazione e di lancio del Progetto. In presenza di alti rappresentanti dei Ministeri dello Sviluppo economico russi e italiani, dei vertici di Federmacchine e delle associazioni federate, delle associazioni industriali russe, dei vertici dei grandi gruppi industriali russi e italiani, dei rappresentanti del sistema Italia in Russia, della stampa economica e tecnica, delle università, dei centri di ricerca e delle banche, l’iniziativa consiste in un evento di pubbliche relazioni e networking indirizzato ai partner istituzionali e imprenditoriali che nei decenni hanno dato fiducia alla meccanica italiana. “Il progetto Machines Italia in Russia, la cui realizzazione è stata affidata in toto dal ministero dello Sviluppo economico a Federmacchine, permetterà alle controparti russe di meglio conoscere l’offerta italiana che integra perfettamente linee di produzione di ultima generazione con know-how ingegneristico, organizzativo e gestionale, competenza, affidabilità e disponibilità all’assistenza post-vendita” ha evidenziato Giancarlo Losma, Presidente di Federmacchine. Secondo Roberto Luongo, Direttore Generale dell’Agenzia ICE, “Il mercato russo è sostanzialmente in ripresa, con una domanda che mantiene gli orientamenti di fondo già presenti prima della crisi del 2009. Ritengo opportuno evidenziare che, nel 2013, il 41% delle esportazioni italiane verso la Federazione Russa sono state di macchine e beni strumentali, a testimonianza dell’immutato interesse e del costante riconoscimento da parte russa della qualità delle macchine italiane”. Le principali azioni verticali che le singole associazioni realizzeranno nel corso del 2014 sono indirizzate alla organizzazione di seminari tecnologici, B2B, visite aziendali e incoming di selezionate delegazioni russe durante le principali fiere dei rispettivi settori. Nel complesso e’ prevista l’organizzazione di circa 15 iniziative specializzate, con la partecipazione di oltre 220 imprese italiane e circa 400 controparti russe per un totale di oltre 1.500 incontri B2B. Anche per queste attività le associazioni federate hanno chiesto all’Agenzia ICE di Mosca di assisterle nella organizzazione dei singoli eventi.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here