Safemotion Experience, la sicurezza si fa eccellenza

Dall’esperienza e dalla collaborazione di tre aziende leader nei rispettivi settori operativi, B&R, COMAU e HEIDENHAIN hanno preso vita due appuntamenti con un unico obiettivo: illustrare in modo realistico, chiaro ed esaustivo che l’adeguamento alle normative sulla Safety rappresenti un’opportunità da sfruttare a proprio vantaggio per migliorare la produttività e la competitività sul mercato, e non solo un’incombenza necessaria a livello normativo.

LA SICUREZZA IN MOVIMENTO

SafeMotion Experience_Bologna_Robot Comau in applicazione speciale_disegnoGli eventi SafeMotion Experience sono stati un successo: non solo per i numeri, ma per l’alto livello di interesse dimostrato dai partecipanti verso queste tematiche decisamente attuali per i costruttori di macchine. B&R, COMAU e HEIDENHAIN, legate dalla continua innovazione tecnologica e da una collaborazione tecnica e commerciale di lungo corso, con gli eventi SafeMotion Experience, hanno confermato la propria vocazione: fornire la miglior soluzione possibile per ogni settore industriale-manifatturiero.

SICUREZZA IN PRODUZIONE, COME OTTENERLA E COME SFRUTTARLA A PROPRIO VANTAGGIO?

Sempre più costruttori di macchine desiderano garantire la sicurezza dei propri prodotti, spinti dalle tendenze di mercato, e comprensibilmente desiderosi di trovare soluzioni semplici, dalla necessità di intervenire con un basso impatto sulle piattaforme e sugli investimenti in ricerca e sviluppo. Il processo certificativo risulta decisamente semplificato se in partenza si utilizzano dispositivi già certificati ai fini della sicurezza, tanto meglio se questi sono integrati e in grado di colloquiare tra loro. Da queste basi hanno preso vita i due appuntamenti SafeMotion che hanno illustrato, in modo realistico e pratico, come l’adeguamento alle normative sulla Safety rappresenta un’opportunità da sfruttare per migliorare la produttività e la competitività sul mercato, e non solo un’incombenza dettata dalle normative. SafeMotion Experience_Bologna_Intervento_iCEPiLe giornate, a cui hanno partecipato tecnici dell’automazione, responsabili della sicurezza e della produzione, si sono snodate attraverso un percorso logico partito dai sensori, ovvero i dispositivi più vicini alla meccanica – tema trattato da HEIDENHAIN – per poi passare alla piattaforma di controllo che raccoglie ed elabora i dati, fino alla gestione in sicurezza della catena di tutte le parti in movimento, dal drive, ai motori – tema a cura di B&R -, per giungere, infine, a interi sistemi e linee robotizzate – come ha messo in mostra COMAU. Dopo una panoramica dimostrativa della coesistenza possibile di ogni componente del motion attraverso una integrazione e una comunicazione sicura, si è dimostrato in pratica, con esempi e demo dal vivo, come sia possibile operare con parti di macchine e impianti in movimento senza dover arrestare il processo, altrimenti da ripulire, riavviare, rifasare a livello di intera linea con le conseguenti inefficienze e perdite di resa e produttività. Tale gestione intelligente permette un rilevante incremento della produttività, senza rinunciare alla salvaguardia di persone e attrezzature.

NORMATIVE E DINTORNI, LA PAROLA ALL’ESPERTO

Quali normative adottare e come recepirle? L’argomento è stato dibattuto, con molti spunti e riflessioni, in compagnia e guidati da una fonte autorevole in ambito di certificazione.  iCEpi ha fornito alla platea una chiara classificazione dei sistemi secondo le molteplici normative oggi adottate, fornendo una comparazione e le chiavi di lettura dei differenti standard e metodi di analisi. Sono stati inoltre presi in considerazione i diversi aspetti applicativi legati ai dispositivi e alle piattaforme tecnologiche presentate dai partner di SafeMotion Experience durante i loro interventi. Tra i diversi temi di interesse affrontati da iCEpi, c’è stata una chiara anticipazione del quadro normativo dei prossimi anni, con consigli pratici per l’adeguamento utile al  risparmio considerevoli quantità di tempo nel delicato processo certificativo delle macchine.

DIRETTAMENTE DALL’INDUSTRIA, LA SICUREZZA APPLICATA

Nel pomeriggio sono state protagoniste le aziende utilizzatrici con la presentazione di casi applicativi reali. SIDEL, ALFA AUTOMAZIONE e altri nomi eccellenti dell’industria Italiana, hanno colto l’opportunità di sfruttare a proprio vantaggio la tecnologia di sicurezza applicata al controllo di movimento. Le applicazioni, con una chiara spiegazione delle necessità delle aziende, dell’implementazione e dei risultati raggiunti grazie all’integrazione della parte di sicurezza, hanno mostrato come la Safety sia una funzione implementabile senza stravolgere il sistema e ottenendo diversi benefici. Le presentazioni di tutti gli interventi e i video che mostrano le applicazioni reali della sicurezza nell’industria sono disponibili nell’area download del sito www.safemotion.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here