Schuler inaugura l’Hot Stamping TechCenter

Centro di ricerca ed espositivo per la costruzione di particolari leggeri per l’automobile a Göppingen / Impianto sviluppato presso la sede di Waghäusel

Nel cosiddetto Hot Stamping TechCenter, Schuler mostra applicazioni innovative per la costruzione di automobili più leggere per il futuro.

Nel cosiddetto Hot Stamping TechCenter, Schuler mostra applicazioni innovative per la costruzione di automobili più leggere per il futuro.

Schuler ha inaugurato lo scorso gennaio presso la sede di Göppingen il nuovo centro di ricerca ed espositivo che si occuperà dello stampaggio a caldo. Nel cosiddetto Hot Stamping TechCenter, l’azienda mostra ai propri clienti applicazioni innovative per la costruzione di automobili più leggere per il  futuro. Schuler ha investito circa 6,5 milioni di euro nell’impianto, che è dotato di pressa idraulica, forni continui a rulli e sistemi di automazione ed è stato sviluppato presso la sede di Waghäusel.

Durante lo stampaggio a caldo, la lamiera d’acciaio si scalda a 930 gradi Celsius e durante il conclusivo processo di formatura viene raffreddata e pertanto indurita. Da questa procedura è possibile produrre pezzi di automobili particolarmente leggeri, ma dotati di elevata resistenza. Schuler è leader mondiale nel settore degli impianti di stampaggio a caldo. La domanda è destinata a salire nei prossimi anni, in conseguenza dei requisiti crescenti sui temi della protezione dei passeggeri e della riduzione nelle emissioni di CO2.

“Lo stampaggio a caldo è una procedura importante per la costruzione di carrozzerie leggere per le auto e ha un posto di riguardo nella gamma dei prodotti di Schuler”, afferma il presidente del c.d.a. Stefan Klebert. “Il nostro Hot Stamping TechCenter è sia la dimostrazione della nostra capacità d’innovazione negli impianti di produzione in rete completamente automatici sia la testimonianza del nostro impegno nei confronti della Germania come Paese dell’innovazione tecnologica.”

Produttività superiore e limitato fabbisogno energetico

La robusta pressa da 1.600 tonnellate che si trova nell’Hot Stamping TechCenter è già dotata della tecnologia PCHflex di Schuler. “PCHflex consente una produzione flessibile ed efficiente dei pezzi ottenuti da stampaggio a caldo, con prestazioni fino al 40% più elevate e una qualità costantemente superiore, tutto ciò nell’ambito di sicurezza di processo e disponibilità massime”, ha chiarito il Dott. Martin Habert, Amministratore di Schuler a Waghäusel.

La macchina è inoltre dotata della tecnologia EHF (“Efficient Hydraulic Forming”), che riduce drasticamente il fabbisogno energetico. Grazie a uno speciale sistema di monitoraggio delle condizioni (“Condition Monitoring”), è possibile prevedere in modo preciso l’usura dei componenti dell’impianto.

Primo impianto conforme al nuovo design produttivo di Schuler

La pressa è inoltre il primo impianto conforme al nuovo design produttivo che Schuler desidera estendere gradualmente all’intero programma di produzione. Il nuovo design dovrebbe rappresentare il vantaggio tecnologico di Schuler e rendere particolarmente riconoscibile l’impianto. Nel futuro, l’Hot Stamping TechCenter servirà principalmente per lo sviluppo delle tecnologie degli impianti e dei processi impiegati nella costruzione di particolari leggeri per l’automobile. Inoltre Schuler utilizzerà il centro per le presentazioni ai clienti e per i corsi di formazione. Oltre a Göppingen, Schuler gestisce anche altri centri di riferimento ed espositivi nelle sedi di Erfurt, Gemmingen, Göppingen e Heßdorf e negli USA. I TechCenter, a differenza delle fiere, sono aperti tutto l’anno e consentono consulenze e ricerche mirate ai clienti. In primavera verrà messo in servizio nel nord della Cina, a Tianjin, un ulteriore TechCenter, presso cui verrà messa in funzione una pressa da 1.600 tonnellate con TwinServo-Technologie (TST).

Informazioni sull'autore
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Lamiera News © 2016 Tutti i diritti riservati