Universal Robots rinnova la sua offerta ed entra nella terza generazione

fig.Universal RobotsUniversal Robots presenta l’unico robot al mondo che adatta le impostazioni avanzate di sicurezza ad ogni applicazione grazie a otto nuove funzioni di sicurezza regolabili. La terza generazione dei bracci robotici UR5 e UR10 è inoltre dotata di True Absolute Encoders che rende superflua la re-inizializzazione del robot, consentendo l’avvio automatico e una più semplice integrazione in altre macchine. Universal Robots rimane fedele alla sua filosofia di voler fornire robot leggeri e user-friendly. Esben Østergaard, CTO di Universal Robots, ha spiegato che il nuovo concetto di sicurezza brevettato è uno sviluppo logico dei bracci robotizzati del produttore danese di robot. “Quando un individuo entra nella cella di lavoro del robot, il braccio robotico può funzionare in modalità ridotta, e poi riprendere a piena velocità quando esce. In alternativa, il robot può funzionare a tutta velocità per esempio all’interno di una macchina CNC (a controllo numerico), e poi ridurre la velocità al di fuori”. Per consentire il passaggio tra la modalità normale e quella ridotta di sicurezza, sono monitorate otto funzioni dal nuovo sistema di sicurezza brevettato: posizioni congiunte e velocità, posizioni TCP, orientamento, velocità e forza, oltre alla quantità di moto e alla potenza del robot. Le impostazioni possono essere modificate solo da una postazione protetta da password. Un’altra innovazione fondamentale dei robot collaborativi di nuova generazione di Universal Robots è il True Absolute Encoders che permette un avviamento più veloce del robot perché la sua posizione viene riconosciuta all’accensione. “Con l’integrazione del True Absolute Encoders, i nostri bracci robotici possono essere integrati ancora più facilmente in altri macchinari, mentre l’avvio diventa molto più veloce e semplice per tutte le applicazioni”, dice Esben Østergaard. A differenza di molti altri robot industriali con encoder incrementali che funzionano come encoder assoluti, fino a che la batteria si esaurisce, gli encoder dei robot UR non dipendono dalla batteria: denominati “True Absolute Encoders” eliminano la necessità di ri-inizializzare spesso i bracci del robot visto che la loro posizione nello spazio è nota. Il robot non richiede quindi la corrente della batteria per portare a termine questa funzione. Anche se i bracci robotici UR5 e UR10 sono ora dotati di numerose nuove funzionalità, Universal Robots rimane fedele al suo approccio di offrire robot leggeri e user-friendly. L’aspetto dei bracci robotici UR5 e UR10 a sei assi, con una portata di 5/10 kg, rispettivamente, rimane invariato. Ma all’interno del braccio robotico stesso, nonché nel controllore, sono nascoste alcune “sorprese”: sedici I/O digitali supplementari raddoppiano il numero degli I/O integrati, che sono facili da configurare sia come segnali digitali che come segnali di sicurezza. La scatola di controllo ha un design rivisto e un controller rifatto per migliorare ulteriormente le possibilità di collegamento di apparecchiature alle scatole di controllo. Tutte le nuove funzionalità dei robot di terza generazione sono stati certificati dal TÜV (Technischer Überwachungs-Verein – un’organizzazione tedesca che lavora per convalidare la sicurezza dei prodotti) e testato in conformità alla norma EN ISO 13849: 2008 PL d e EN ISO 10218-1 : 2011, clausola 5.4.3. Lo scorso giugno, Universal Robots ha aperto un ufficio a Barcellona per supportare il mercato dell’area mediterranea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here